SONIA ALFANO (PRES. COMM. ANTIMAFIA EUROPEA) SUL ‘CAPITANO ULTIMO’: “ATTRAVERSO UN LIBRO GLI ITALIANI POTRANNO FINALMENTE CONOSCERE IL VERO VOLTO DEL FALSO EROE”

18 agosto 2012
ultimoPalermo, 18 AGO- “Apprendo che a metà settembre la casa editrice Aliberti pubblicherà il libro di Benny Calasanzio Borsellino sulla vera storia di Sergio De Caprio, dal titolo ‘Capitano Ultimo. Il vero volto dell’uomo che arrestò Totò Riina’. Finalmente gli italiani, in contemporanea con la fiction agiografica targata Mediaset, potranno sapere chi davvero sia il fumettistico Capitano Ultimo, lontanissimo dall’eroe impersonato da Raoul Bova e, piuttosto, protagonista di episodi agghiaccianti della nostra storia recente: episodi collegati a doppio filo alla trattativa Stato-Mafia, come per esempio la mancata perquisizione del covo di Totò Riina dopo il suo arresto e di accuse vergognose ai danni, oltre che della sottoscritta, dei magistrati Alfonso Sabella e Antonio Ingroia”.
Lo ha detto Sonia Alfano, presidente della Commissione Antimafia Europea e figlia del giornalista Beppe, ucciso a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) nel 1993.
“Benny Calasanzio Borsellino – ha aggiunto Alfano – ha dedicato un intero capitolo alla presenza di Sergio De Caprio a Messina poco dopo l’omicidio di mio padre, del suo ruolo nella mancata cattura di Nitto Santapaola e nella sparatoria in cui mancò per un soffio la testa di un giovane ‘scambiato’, secondo la versione di Ultimo, addirittura per l’allora latitante Pietro Aglieri. Attendo con ansia l’uscita di questo libro – ha concluso – che consentirà agli italiani di leggere carte e documenti inediti, in modo da poter smettere di tributare onore e rispetto ad una figura ambigua con nome da fumetto che ha illuso (o truffato?) gli italiani con la sceneggiatura impiantata sulla consegna di Riina e, a breve, con una fiction imbarazzante”.

32 Commenti a “SONIA ALFANO (PRES. COMM. ANTIMAFIA EUROPEA) SUL ‘CAPITANO ULTIMO’: “ATTRAVERSO UN LIBRO GLI ITALIANI POTRANNO FINALMENTE CONOSCERE IL VERO VOLTO DEL FALSO EROE””

  1. l'ultimo stronzo #

    Ma state scherzando ”eee ancora co sta storia della mancata perquisizione” ma siete veramente dei coglioni, arrestare un super boss ed evitare come la peste il suo covo per settimane significa consegnare al popolo italiano non più un pericoloso boss ma un fantoccio (permettendo il via vai di pericolosi latitanti che hanno svuotato e ripulito le camere della casa di riina arrivando perfino a riverniciare tutto) mancata perquisizione mancata sorveglianza mancato recupero di documenti bomba mancato arresto di tutti quelli che sicuri non sarebbero stati arrestati hanno continuato imperterriti nel loro via vai al covo. Lo sò chi critica ultimo e ripetitivo ma se permettete è sconcertante letteralmente SCONCERTANTE questa cosa. diamo alla folla un eroe fantoccio decontestualizzato dalle mancate indagini quindi tutto tanto per dare un cattivo e un buono al popolo e insabbiare la verità
    @SERAFINI fattene una ragione DE CAPRIO NON E RAUL BOVA E BOVA NON E DE CAPRIO a buon intenditore ..

    2 febbraio 2013 at 10:31
  2. Elena #

    Serafini Antonella forse l’Onorevole Alfano non sa che tu sei uno zerbino.. sei una dei tanti ruffiani di De Caprio e dietro le tue parole ci sono le sue. Se lui ti dice abbaia tu lo fai:-) Non sei capace di nulla tranne che fare la ruffiana.
    Stai al tuo posto e se qualcuno qui deve replicare e’ De Caprio e non tu. Hai capito idiota? Poi se tutto e’ falso come crediamo in molti il Comandante prendera’ i suoi provvedimenti!

    Chiedo scusa ma questa persona che si reputa una giornalista in realta’ e’ niente senza De Caprio. Fai un qualcosa di tuo se ne sei capace.

    Notte Elena

    27 agosto 2012 at 23:14
  3. Twin2Face #

    carissimi, chi conosce bene i fatti sa realmente come stanno le cose ovvero facciamo fino in fondo il ns dovere ma preserviamo il ns futuro attraverso una bella Polizza sulla vita….

    A buon intenditor poche parole

    scusami Sergio….. ma te lo dovevo

    t2f

    22 agosto 2012 at 17:18
  4. Mario Abbate

    22 agosto 2012 at 16:41
  5. @Carmine probabilmente li paga la voglia di difendere un uomo che ha sempre lottato e di smascherare chi invece si siede sulle poltrone e sputa veleni, non li conosco personalmente ma credo che questo obbiettivo per loro sia un ottimo stipendio @Mario Antonella Serafini

    22 agosto 2012 at 16:24
  6. Antonella #

    Ma comunque,da cittadino comune, pur continuando ostinatamente a credere nella buona fede di entrambe (Ultimo e Sig.ra Alfano) trovo davvero raccapricciante il fatto che chi dovrebbe combattere la mafia perde tempo a denigrare o ridicolizzare quelli che dovrebbero essere i suoi alleati.

    21 agosto 2012 at 18:53
  7. Antonella #

    meglio un eroe falso che dei pagliacci veri! A me sembra che questa storia della mancata perquisizione venga sistematicamente tirata in ballo, per coprire il fatto che non siano stati fatti dei passi avanti seri nella lotta alla mafia. Mentre è nella facoltà di un carabiniere fermare con ogni mezzo a sua disposizione chi non si ferma quando gli viene intimato l’alt. (In altre situazioni è capitato che il cittadino venisse colpito a morte, se non ricordo male è successo a napoli)

    21 agosto 2012 at 18:52
    • Elena #

      Serafini tu sei scollegata:-) I passi avanti nella lotta contro la mafia sono stati fatti soprattutto in questi ultimi anni. Ma ti aggiorni? Perchè se pensi questo TU offendi magistrati e forze dell’ordine..
      Ma lo usi il cervello?

      Perchè non lo vai a raccontare a tutti quelli che hanno arrestato i latitanti in questi ultimi anni Provenzano compreso?

      Onorevole Alfano come tu sai io non sono contro De Caprio, anzi.. ma c’è un momento nel quale i non interessati anzi i non diretti interessati devono rimanere nel silenzio.
      Credo nella magistratura, non sono una pivella e sono sempre aggionata sulla mafia in generale.. Quindi mi posso permettere di parlare liberamente.

      E sicuramente al contraroi di tanti altri non mi devo vantare di nulla.

      Ho visto nei tribunali ed ho affrontato la paura. Tutto questo da sola e ne sono fiera. Ho perso come te le persone più care lasciandomi un vuoto enorme ma si può sicuramente continuare a vivere con la propria dignità. Io non dubito e mai lo faro di De Caprio.. ma dubito seriamente di alcune persone che lo circondano. Quando una donna o un uomo hanno un nome tutti si accerchiano a loro per vanto non per lealtà. Si lealtà. Ogni volta che leggo le botta e risposta ho il disgusto perchè ci sono cose più importanti come la vita.

      Elena

      28 settembre 2012 at 22:56
  8. Mario Abbate via Facebook #

    @Carmine: bisogna essere a libro paga per difendere l’operato di Ultimo ?

    21 agosto 2012 at 11:46
  9. Antonella #

    mi viene spontanea una domanda: Sergio De Caprio è un mafioso? Bene ,se lo è, la signora Alfano, in quanto capo della commissione antimafia, dovrebbe preoccuparsi di trovare delle prove per consegnare questo pericoloso criminale alla giustizia, invece di commentare libri, che per definizione non costituiscono una prova, ma solo una libera esposizione delle opinioni dell’autore,in un blog o in altri luoghi. Se invece questo accanimento è sintomo del profondo desiderio di ripulire l’arma da tutti quegli elementi che la usano in maniera impropria e disonorevole, faccio notare che nel nostro paese ci sono esempi di abusi di potere e corruzione che vanno ben oltre lo sparare ad un ragazzo credendolo un mafioso, o questa benedetta mancata perquisizione….che mi sembra venga più volte usata per giustificare quello che altri hanno fatto sparire ..come a dire era tutto a casa di Riina…noi non c’entriamo nulla la colpa è del fantomatico ultimo che non l’ha perquisita. Una sorta di “dagli all’untore”..ma la peste è una malattia che non si propaga imbrattando le porte..chi ha cervello lo sa!

    20 agosto 2012 at 15:04
  10. SERAFINI e RANDAZZO; ma chi vi paga?

    20 agosto 2012 at 09:17
    • Elena #

      Chi paga la Serafini? Nessuno. I ruffiani non vengono pagati.

      Elena

      28 settembre 2012 at 22:31
  11. Salvo Randazzo via Facebook #

    Serafini,se lei e’ ha conoscenza di fatti e cose che la popolazione non sa, faccia denuncia di cio’ e vedra’ che anche lei sara’ seguita,come lo e’ la signora alfano, se non ci piace la situazione attuale su questa pagina,si cancelli pure lei stessa…… Non aspetti il solito BAN, vedo che sa solo come funziona facebook…… Ma non la vita….. Un Fan ALFANO !!!

    20 agosto 2012 at 06:58
  12. Antonella Serafini via Facebook #

    ccredo che la signora alfano debba sbrigarsi a bloccarmi come utente, come ha già fatto calasanzio, prima che qualcuno possa sapere qualcosa in più… ho notato che funziona così.. appena si fanno domande scomode (e si danno risposte poco piacevoli) c’è il ban assicurato.

    19 agosto 2012 at 19:47
  13. Antonella Serafini via Facebook #

    ah, ho letto le anticipazioni sul corriere, di questo libro. Si parla di un ragazzo sfiorato da un colpo di pistola perchè pensavano fosse un latitante. Ovviamente hanno deliberatamente omesso (perchè negli atti del processo c’è) che lo sparo è avvenuto perchè il ragazzo non si è fermato all’alt in un posto di blocco. E non gli hanno sparato alla schiena, ma in aria. Ovviamente sono omissioni, mica hanno detto il falso.. semplicemente la verità a pezzi

    19 agosto 2012 at 14:08
    • piero #

      la verità e una, e si può accertare solo dagli atti processuali e dai rilevamenti tecnici dell’autovettura che è fuggita, inoltre sappiamo benissimo chi dice il falso viene condannato per calunnia! Chi rischia di pubblicare un libro del genere? prima di parlare bisogna accertarsi, non essere mai di parte, se non si conoscono i fatti, bisogna essere neutri e attendere i risultati. La giustizia deve fare il suo corso. Essere sempre dalla parte della verita per non sbagliare, anche se a volte chi dice la verità nè paga le conseguenze, ma alla fine trionferà. Chi mente fà il gioco del diavolo e paga il suo salario.

      24 agosto 2012 at 16:14
  14. Antonella Serafini via Facebook #

    e che non li sanno i contenuti delle telefonate? sono gli stessi usati per incastrare cuffaro. Li conoscono eccome

    19 agosto 2012 at 14:05
  15. pare che siete in tanti ad aver preso un colpo di sole,se sapete tutto voi perche non andate a testimoniare, quaquaraqua.

    19 agosto 2012 at 10:25
  16. Antonella Serafini via Facebook #

    no, roberto, quelle telefonate non devono uscire.. insabbiare, categoricamente, che ingroia parlava al telefono con aiello

    19 agosto 2012 at 00:14
  17. E si continua con le infamate e vaiiii. Documenti inediti? hahah. Forse telefonate di Aiello e Ingroia . Siamo sul ridicolo ma poi perché infamare colui che arrestò Riina e arresta latitanti? Cmq Sonia quando ci fai sapere cosa dicevi a Provenzano in questi tre anni di trattativa?

    18 agosto 2012 at 16:24
  18. Robgore #

    consentirà agli italiani di leggere carte e documenti inediti hahhahahah

    Non vedo l’ora .

    Forse le telefonate di Ingroia e Aiello con Ciuro?

    18 agosto 2012 at 16:14
  19. Robgore #

    Che schifo ancora ad infamare.

    18 agosto 2012 at 16:11
  20. mandami l’indirizzo che ti spedisco un paio di rotoli di carta igienica, x te e gli altri sostenitori………..

    18 agosto 2012 at 15:43
  21. “…episodi collegati a doppio filo alla trattativa Stato-Mafia, come per esempio la mancata perquisizione del covo di Totò Riina”

    Wow, roba nuova.

    Noi sostenitori di Ultimo, ce la stiamo tutti facendo sotto.

    18 agosto 2012 at 15:04
  22. Salve Serafini. Non è un libro contro Ultimo ma su Ultimo, e la mia obiettività la sorprenderà. In ogni caso rispondo volentieri al suo quesito: ho sempre lavorato, prima della laurea e dopo, in molti giornali italiani. Sempre mantenuto da solo. Poi ho fatto l’esperienza più bella, quella di lavorare con Sonia. Si, voi lo chiamate faro lo schiavo, servo, zerbino. Fatto sta che se uno mi vuole attaccare dicendo “hai lavorato per Sonia” è come dire ad un calciatore “fai schifo, hai giocato nel Real Madrid”. Spero lei apprezzi il paragone calcistico. Ps Il mio curriculum è pubblico, solo che è molto lungo…

    18 agosto 2012 at 14:27
  23. p.s. non è stato Ultimo a volere il film sulla propria storia, questo lo posso dire senza ombra di dubbio, per conoscenza diretta

    18 agosto 2012 at 13:09
  24. deve essere proprio bravo, sto benny calasanzio, per essere riuscito a trovare documenti inediti che la procura di Palermo non è riuscita a trovare contro Ultimo. Sulle denunce fatte, risulta solo quella di Sabella, allo stato attuale. Però è usanza fare un libro su cose relative alla trattativa. Fare un libro e farci soldi.. Non si consegna il materiale alla procura, no no, si fa un libro. Non vedo l’ora che esce. P.S. ma che lavoro faceva sto calasanzio prima di fare l’antimafioso che scrive libri e fa i soldi con l’antimafia?
    così, per curiosità

    18 agosto 2012 at 13:08
  25. giovanni #

    Diceva massimo troisi: non ce la farò mai sono tanti di loro a scrivere e solo io a leggere…” ciò nonostante lo leggerò.
    A proposito non si potrebbe pensare (non so se già esiste) a un corso di laurea (quella vera non breve) sulla cd “mafia”? sarebbe interesante c’è di tutto ma proprio tutto e specialmente quella che vogliono spegnere: la memoria.
    Grazie Sonia

    18 agosto 2012 at 11:30
  26. Ciro Merolla via Facebook #

    Falcone, Borsellino e tanti altri hanno pagato con la vita il loro impegno per rendere il mondo in cui viviamo un posto migliore. Sono loro i veri EROI.

    18 agosto 2012 at 11:23
  27. Ciro Merolla via Facebook #

    Non ho mai creduto agli eroi “pubblicizzati”.

    18 agosto 2012 at 11:19
  28. grazie

    18 agosto 2012 at 11:10
  29. peccato non poter condividere sta notizia

    18 agosto 2012 at 11:07
Switch to mobile version